Un altro hackathon, un’altra bella esperienza da ricordare

HackItaly 2013“Se ci sono cose che senti come parte di te, e’ inutile combatterle o reprimerle, piuttosto dai loro corso, e troverai la felicita'”. Con questa autocitazione d’altri tempi in mente, dopo una pausa forzata durata quasi due anni, ho deciso che era il momento di sporcarsi nuovamente mani e piedi con il codice, perdere un bel po’ di ore di sonno, pensare a come realizzare un’idea infattibile in un tempo improponibile. E via, macchiva direzione HackItaly Camp.

Nessuna cronaca dell’evento, ma solo alcune considerazioni di varia natura.

La prima: perche’ lo fai? Questa e’ facile: perche’ abbiamo l’obbligo morale di vivere quanto piu’ possibile nel nostro stato di flow. E quando codo durante un hackathon, a me capita proprio questo. Totalmente perso nell’idea da implementare, irrimediabilmente assorbito nella bolla che l’evento crea per le 7/10/12/24 ore della sua durata, appassionatamente immerso in pensieri creativi. Avere gia’ chiaro quello che ti aspetta mentre le tue mani danzano, quasi da sole, su quello che stai ancora facendo. Solo possibilita’, qualche problema da risolvere che separa da queste, e la piu’ completa, disinteressata e coinvolgente gioa del fare. Fallire, perche’ tra la fretta, la stanchezza, i cambi di luna e le distrazioni, di errori ne fai tanti. Ma poco importa, perche’ si va ad un hackathon per immaginare, per creare, per divertirsi. Materia creativa allo stato grezzo, di colore bianco puro: tutto dipende dalle tue decisioni e dalle tue capacita’. E’ una delle piu’ belle palestre per crescere nella consapevolezza dei propri limiti.

La seconda: con chi lo fai? Con chi so capace di condividere questo tipo di approccio. Se poi sono amici di lunga data o ragazzi conosciuti sul momento, poco importa. La bella cosa dei dev, quelli veri, e’ che non fanno distinzioni di titoli, stato sociale, ruolo sul lavoro o esperienza. Se vedi che anche l’altro (o l’altra) ha quello sguardo furbetto di chi sa titillarsi nello sperimentare, compiacersi di aver fatto una cosa nuova sbattendo e risbattendoci il muso, preso dalla tecnologia e dalla voglia di metterci su le mani (se riconosci in lui, insomma, alcuni tratti tipici dell’essere nerd), tanto basta per essere subito amici.

La terza: come potresti farlo meglio? Come per ogni cosa, c’e’ sempre spazio per migliorare. Grande cruccio di questi hackathon cosi’ grandi (saremmo stati in pocomeno di 300) e’ la gestire della fase di presentazione di quanto realizzato. Pitch di 1/2 minuti, per rimanere nell’oretta e mezzo di tempo, purtroppo spesso vanificano le 24 ore di lavoro, possono banalizzare le cose fatte dai team e diluiscono la passione e lo sforzo che ci sono voluti per ottenerle. Vero che l’importante di un hackathon non e’ vincere, ma divertirsi, pero’ la condivisione del proprio hack rimane un tassello fondamentale di quel divertimento, almeno per me. Perche’ insegno qualcosa, perche’ imparo moltissimo dagli altri. E ancora non sono riuscito a trovare una buona soluzione di compromesso, anche negli eventi che ho realizzato io stesso, Android University Hackathon compreso.

Inoltre, proprio perche’ creare il tuo hack ti assorbe cosi’ tanto, c’e’ il rischio di chiudersi in un ermetismo da sviluppo. Per ovviare a questo problema, oltre ad organizzare attivita’ sociali durante l’evento (cena ed altro), si potrebbero anche dare dei “punti socialita'” ai team che si impegnano, in qualunque modo, a rendere l’intero evento piu’ social, piu’ condiviso.

La quarta: cosa ti riporti a casa? Ovviamente del gran divertimento, nuove avventure condivise con i miei amici, le riflessioni fatte fino ad ora e il fatto che la multidisciplinarita’ che scaturisce dal contatto con gli altri e la voglia di buttarsi vincono sempre. Perche’ un hackathon, alla fine, questo ti insegna: essere dannatamente focalizzati verso un’obiettivo creativo, con il sorriso pero’ sulle labbra, assieme ad altre persone. Grazie a FrancescaPaolo, Marco per questa avventura :)

5 Comments

Leave a Reply