Data visualization e la salute del genere umano

La sostanza non e’ tutto, conta anche la forma… O per dirla con le parole di Hans Rosling, “Having the data is not enough, I have to show it in ways people both enjoy and understand”… Per questo mi appassiono sempre ai suoi interventi su TED, dove con la semplicita’ di un’occhiata, riesce a spiegare complessi fenomeni lungo i classici due assi, piu’ quello importantissimo del tempo, su argomenti spesso collegati alla qualita’ della vita nel mondo “civilizzato” e in quello “emergente”.

Qui lo vediamo smentire diversi luoghi comuni in Let my dataset change your mindset:

Qui invece in global population growth:

Continue reading

La narrazione visiva di grandi eventi

narrareilgrande.jpg

Riuscire a raccontare la sensazione di immersione, di compresenza, che provo quando vivo in prima persona un grande evento e’ un’impresa che ho sempre trovato difficile. Foto, parole, ricordi simili che vengono stimolati nella mente dell’interlocutore. Ma tutto cio’ riesce solo a creare surrogati.

Per fortuna che le tecnologie possono aiutare, e cogliendo l’occasione del’linsidiamento alla Casa Bianca del nuovo presidente Obama, le sperimentazioni fatte lungo la strada del “narrare il grande” hanno ottenuto risultati che mi hanno davvero affascinato.

Una foto ad alta definizione scattata dal satellite GeoEye-1 riesce a dare l’idea delle dimensioni totali, delle reali estensioni della folla intervenuta. Sono le proporzioni con gli altri elementi del contesto che aiutano a capire. L’importanza della visione d’insieme.

Anche assemblare 220 foto scattate da un cavalletto automatizzato Gigapan in un’unica immagine, consultabile poi con diversi livelli di zoom, riesce con estrema facilità a trasportare dal macro al micro, dai contorni confusi di una massa di due milioni di persone ai tratti dei singoli partecipanti. Interessanti gli scatti segnalati da chi ha esplorato la foto, che portano alla luce incredibili cappelli, personalita’ intervenute, cecchini posizionati nei palazzi limitrofi e molte altre stranezze. Solo un’intelligenza collettiva e’ capace di analizzare minuziosamente un’opera collettiva anch’essa, nata dalla fusione di tanti elementi.

Continue reading