Festival dei Blog, sole e divertimento ad Urbino

Festival dei BlogExcursus di un percorso evolutivo: tutto nasce dal LaRiCA dell’universita’ di Urbino, ha una sua spinta propulsiva di base nelle Conversazioni dal Basso, nel 2007 partorisce un piacevole spin-off chiamato Treaure Hunt Wireless Game e nel 2008 genera una sua nuova estensione, il Festival dei Blog, composto dall’AcaBarCamp e dalle Olimpiadi dei Blogger .

Trovandomi troppo occupato in questi giorni per riuscire a scrivere un post bello e verboso sul weekend Urbinate, preferisco riportare dei flash significativi delle bella esperienza, condita da un tempo splendido e buoni amici, vecchi e nuovi, con cui ho condiviso il tutto.

Il DiabeteCamp, un’iniziativa collaterale (si, proprio collaterale) all’AcaBarCamp, organizzata in segreto da Ubristikos, in cui sono stato coinvolto a seguito di un alcuni tweet notturni. Prova ulteriore, se ancora ce ne fosse bisogno, della serendipita’ di Twitter. Nonostante lo svolgimento sia stato poi pubblico, deviando dall’idea iniziale, il mio tiramisu’ ha fatto la sua figura riscuotendo diversi complimenti in giro. Scusate la modestia, ma ci stavano tutti!

Le Olimpiadi dei Blogger, a cui ho partecipato per due motivi: il gioco in se’ e il premio, un lettore iLiad offerto dalla Simplicissimus Book Farm per ogni componente della squadra. Sono sempre stato un sostenitore degli eBook, ne ho letti diversi sul mio palmare e ormai, tra navigazione internet e manuali online, gli ultimi testi cartacei su cui ho studiato sono stati quelli dell’universita’. Per non parlare poi della  lettura di fumetti. Volevo quindi testare in prima persona dove si poteva arrivare con un supporto hardware dedicato allo scopo, nonostante possa gia’ usufruire del mio tablet, ripreso tra l’altro da diverse foto durante la manifestazione (peccato tutte senza il suo legittimo padrone). Il nostro Team Kakashi e’ arrivato secondo (o penultimi, dipende dai punti di vista) nonostante la vittoria di 3 prove su 5 (microblogging online e offline, sei gradi di separazione). Peccato, ma succede cosi’ che Kaori, dopo cena, telefona nientepopodimeno che a Scoble (si, proprio il tipo di Naked Conversation) per una foto con dedica, io cerco di arrivare con i miei contatti a Bruce Sterling attraverso OpenSpime e Sergio scopre che anche Neil Gaiman ha provato ad usare Twitter. Fortunatamente poi Andrea Beggi ci ha messo una pezza, esprimendo tutto il suo apprezzamento per il nome del nostro fantastico team (Narutiani di tutto il mondo, unitevi!). Io che durante la sera faccio il PR all’account twitter della mia squadra e riesco pure a raccattare qualche importante consenso. Comunque e’ proprio vero, l’agonismo stimola l’azione, e ti ritrovi a fare cose che altrimenti non avresti fatto.

La fiorentina fotografata da Libero Il pranzo di domenica: complice il tempo fastastico, insieme ad Adriano, Mike , Laura , Francesca, Anna e Libero ci siamo voluti un po’ asocializzare dal resto dei partecipanti al festival e siamo andati alla ricerca di un posto dove mangiare, guidati dall’idea di stenderci su un bel lembo di terra verde, al sole, e con la pancia piena. Consigli e dritte ci hanno portato  dall’ “Hostaria A Fuoco Lento“, e non potevamo fare scelta piu’ felice. Pochi primi, ma ricercati, e una fiorentina tra le migliori che abbia provato… Come tornare poi a casa in tempi brevi? E infatti non e’ stato possibile! E’ tutto finito distesi su un pratarello a cazzeggiare in chiacchiere, come nelle migliori tradizioni domenicali italiane ;). Libero ha immortalato la fiorentina dietro mia richiesta, splendida! ;)

Cosa cambierei: decisamente poco, tranne forse le chiacchierate nutturne dei markettari mentre io e Tommaso lavorevamo al blog/twitter della squadra. Ma si sa, smezzare una bottiglia di zibibbo alle 3 di notte puo’ avere i suoi effetti colleterali!

Poi ovvio, nuove conoscenze e incontri, un gran bel divertimento e aspettiamo cosa ci riservera’ il LaRiCA l’anno prossimo, sperando che la maledizione dell’arrivare sempre secondo non si abbatta di nuovo su di me e sui miei compagni di team. :)

Molto materiale da vedere per ricordare, tra cui qui, qui, qui, qui e in molti altri posti…

1 Comments

  1. Ciao Alfredo, leggo il tuo post e non riesco a trattenere le risate…
    Ripenso al reclutamento squadra, al tuo fantastico tiramisù, ai vostri piani strategici per le Olimpiadi dei blogger dalla telefonata alle caramelle :-)
    …Bellissimo…
    E poi una domenica favolosa tra cibo, vino e chiacchiere a “4 di spadi” sull’erba!!
    A presto
    A

Leave a Reply