Consultare le mappe di Google Maps offline su Android

La possibilita’ di connettere gli smartphone alla Rete in totale mobilita’ rende i piu’ disparati contenuti accessibili quando ci servono, senza aver pianificato di farlo. Caso tipico le mappe di Google Maps, Yahoo Maps, Microsoft Bing e altri servizi simili. Quando pero’ andiamo all’estero o per qualche motivo siamo senza connessione, sono davvero pochissime le applicazioni che permettono di salvare i dati per una consultazione offline… Ma a tutto esiste rimedio.

Prendiamo ad esempio Big Planet Tracks, un programma che permette di accedere alla cartografia di Google Maps e registrare un percorso. Tra le opzioni c’e’ quella di salvare le mappe scaricate in un database locale. Con un po’ di pazienza, si potrebbe navigare in tutta la zona di nosto interesse, nei vari livelli di zoom e rendere queste informazioni accessibili anche offline. Ma se, ad esempio, ci si vuole portar dietro la cartografia dell’intera Corsica per una passeggiata in mezzo al deserto degli Agriates?

Proprio a questo scopo e’ stato creato un alto programma, Mobile Atlas Creator (conosciuto anche come TrekBuddy Atlas Creator). Un software open-source, scritto in Java, da eseguire sul “computer di casa”. Selezionando una zona e dei livelli di zoom, questo scarichera’ per noi tutte le mappe necessarie per poi salvarne in un formato compatibile con diversi applicativi che supportano la navigazione offline, come il sopracitato Big Planet Tracks e piu’ di altri 20 tra Android, Windows Mobile e navigatori GPS.

I passi dettagliati da seguire sono riportati in questa pagina wiki:

  1. Install the Java Runtime Environment (JRE or JDK, at least JRE v1.6.0_14 or later).
  2. Download and decompress Mobile_Atlas_Creator_1.7_SQLite.zip (Official Edition + SQLite Libs + Settings for “BigPlanet SQLite” format).
  3. Copy the libsqlite_jni corresponding to your OS platform to the MOBAC folder (which Mobile_Atlas_Creator.jar is located).
  4. Double click the Mobile Atlas Creator.exe on Windows (Run start.sh on Linux).
  5. Use the left mouse button to select the download area and right mouse button to move the map after executing the MOBAC.
  6. Click the "Add selection" button after selecting the multiple "Zoom Levels" of the map.
  7. Confirm the "Map Source" to be "Google Maps" (default value, you can choose another types).
  8. Confirm the "Format" of "Atlas settings" to be "BigPlanet SQLite" (default value).
  9. Start downloading the map after clicking the "Create atlas" button.
  10. After the download is finished, please click the "Open Atlas Folder" button to get the database named BigPlanet_maps.sqlitedb.
  11. Copy BigPlanet_maps.sqlitedb to Android phone’s SD card whose folder is "/sdcard/RMaps/maps/BigPlanetTracks.sqlitedb" (You can use any filename as long as you use the same filename extension above).
  12. Make sure to enable Android phone’s My Location setting (check "Use wireless networks" and/or "Use GPS satellites").
  13. Finally, please execute Big Planet Tracks or RMaps, the map will be moving to your location (if you successfully receive the latitude and longitude coordinates from Internet or GPS satellites).

Personalmente ho verificato che un livello di zoom di 15, massimo 16, e’ l’ideale per ogni tipo di cartografia, sia stradale che satellitare. Si possono anche scegliere certe aree della mappa e scaricare solo quelle ad un livello di zoom maggiore.

La suite completa dei vari programmi fin qui illustrati si puo’ trovare nel repository su Google Code.

2 Comments

  1. Ciao!
    Non ho capito bene una cosa… Ma per avere il livello di zoom 15 o 16, devo selezionare solo quello o tutti quelli compresi dall’1 al 15/16??? Grazie mille!

  2. Per fortuna no, ma comunque le tile fino a 10 (o anche 11) io le seleziono sempre tutte, tanto ci mette pochi secondi a scaricarle…

Leave a Reply