Bye Bye WhyMCA :(

Ci sono scelte che iniziano a far male fin da quando ti sovviene una prima idea di doverle fare. Ma che purtroppo, per quanto si possa tentare in mille modi di aggirare il problema, alla fine vanno prese per evitare mali maggiori.

Cosi’ succede che, a seguito del mio nuovo lavoro in Google, ho scelto di rinunciare al ruolo di organizzatore del WhyMCA. Lo dico estremamente a malincuore e con un forte dubbio ancora dentro, ma ci sono dei fattori che non mi permetterebbero piu’ di fare serenamente cio’ che ho fatto fino ad oggi assieme ad Andrea, Paolo e Riccardo.

C’e’ un problema di sovrapposizione di ruoli: alcune attivita’ che abbiamo realizzato o avevamo in mente di fare con WhyMCA hanno come interlocutori gli stessi con cui io potrei interagire nel mio lavoro di tutti i giorni, creando dubbi in chi mi ascolta, del tipo “Ma adesso parlo con Alfredo-Google o Alfredo-Whymca?”

Poi per noi quattro il WhyMCA e’ stato sempre una palestra per nuove idee sul territorio italiano: il primo mobile hackathon fatto nel nostro paese, l’happyhour tematico e, su tutte, una conferenza sullo sviluppo per dispositivi mobili. Il movimento del WhyMCA si e’ sempre contraddistinto per la voglia di innovare e sperimentare con la community italiana dei mobile dev. Non posso che conservare questo modo di essere nelle iniziative che mettero’ in campo nel mio nuovo lavoro, e quindi ho paura che dall’esterno e dall’interno non si capisca piu’ dove finisce WhyMCA e dove inizia Google, e viceversa.

Non in ultimo, la questione del nostro essere superpartes. Fino ad oggi nessuno di noi 4 organizzatori poteva essere ricondotto ad un’azienda / marchio che apparteneva ad un player importante della scena mobile, mentre ora io ho perso questa inattaccabilita’. Si sa che il mondo e’ pieno di persone che, alla prima occasione, preferiscono collegare i puntini nel piu’ diffidente dei modi, invece che nel piu’ sensato, e quindi voglio evitare di scoprire loro il fianco, creando grane anche ad Andrea, Paolo e Riccardo.

Inutile fare un riassunto di tutto quello che mi rimane da questa esperienza: non solo 3 grandi nuovi amici, ma tanti volti conosciuti in giro, tante occasioni di confronto, tanti momenti di crescita e, soprattutto, tanti sorrisi soddisfatti per essere riusciti a far vedere che, se c’e’ la volonta’ e un po’ di competenza, si riescono a fare cose impensabili.

Grazie a tuti, mi mancherete un sacco, per fortuna che ci rivedremo tra i membri del pubblico. :(

5 Comments

  1. Caro Alfredo,
    capisco benissimo le tue motivazioni e ancor più il dispiacere di separarsi da qualcosa di bello che hai contribuito a realizzare. La tua scelta è per me conferma della tua qualità umana e professionale, quindi per quel che può valere, tutta la mia comprensione e stima.
    Però, oltre che dal pubblico, potresti fare anche da speaker e raccontarci qualcosa di Google, no? :-)
    In bocca al lupo per il tuo nuovo lavoro!

  2. ciao alfredo,
    secondo me hai fatto una scelta molto matura e lungimirante che si rileverà essere utile ad entrambi.
    hai contribuito a realizzare quello che è uno dei più importanti appuntamenti nell’agenda digitale italiana, vanne fiero.
    ci vediamo al prox whymca (oppure direttamente in the navy :D)

  3. D’accordo con Nicolò e Piergiorgio e capisco quanto a malincuore tu possa aver deciso.
    Al prossimo WhyMCA, conto anch’io di vederti come speaker, dal vivo o da remoto.

Leave a Reply